Tools
Search
Register Login

Papa Francesco e il Sinodo sulla famiglia. Ecco le vere novità... In evidenza

Un Papa che scomunica i mafiosi, che non si sente in diritto di giudicare i gay, che non si arrocca sulle certezze dogmatiche, che rifiuta i simboli esterni del potere petrino, che non disdegna di sedersi in fondo ad una cappella, uno qualunque vestito di bianco. Papa Francesco vuole davvero spalancare porte e finestre della Chiesa affinché il soffio dello Spirito Santo possa essere accolto con semplicità ma anche con coraggio e fiducia. Indietro non si torna.

E' questo, in perfetta sintonia con i suoi gesti quotidiani e il suo magistero, il senso profondo del Sinodo straordinario dei Vescovi da lui convocato recentemente a Roma, appena terminato, su uno dei temi più scottanti della società contemporanea, quello delle sfide pastorali sulla famiglia. La Relatio Synodi, il documento conclusivo, sarà adesso oggetto di studio e di riflessione nelle Chiese locali. Le decisioni finali saranno assunte nel Sinodo già programmato, in sessione ordinaria, ad ottobre 2015. Sinodo vuol dire “strada insieme” e il Papa ha voluto che tale cammino collegiale fosse compiuto in piena libertà, senza diffidenze reciproche, senza reticenze, senza le verità precostituite “degli zelanti, scrupolosi, premurosi, tradizionalisti o intellettualisti”. Anzi, di più, ha esortato a “lasciarsi sorprendere da Dio”, chiedendo a tutti, chierici e laici, di recepire umilmente le opinioni diverse, di mettersi in crisi, cercando risposte alla luce del Vangelo, non limitandosi ai facili divieti, ai giudizi sommari, alle condanne precostituite. I Padri sinodali hanno accolto l'invito e cum Petro et sub Petro, con il Papa e sotto il Papa successore di Pietro, cui rimangono riservate le determinazioni ultime, hanno avviato una discussione solare su punti cruciali e altamente sensibili come le convivenze, i matrimoni civili, la comunione ai divorziati risposati e l'omosessualità. Qualcuno ha voluto ridurre le posizioni in campo ad uno scontro tra riformisti e conservatori. In realtà, se permangono porzioni di Chiesa chiuse nel recinto stretto della dottrina, nella paura di sminuire o travisare il comandamento divino sull'indissolubilità del matrimonio e sulla naturale unione, consacrata da Dio, esclusivamente tra uomo e donna, sono al contempo emerse, in forma assolutamente maggioritaria, le preoccupazioni, tradotte in sollecitudine pastorale, verso quelle situazioni difficili, di forte disagio e di profonda sofferenza vissute oggi da tanti credenti. Il riferimento è ai divorziati, soprattutto in presenza di figli, e a chi patisce, in ragione della sua omosessualità, condizioni di oggettiva discriminazione nel mondo e all'interno della stessa Chiesa. Se concedere l'Eucaristia ai divorziati risposati rimane una questione divisa tra chi vuole rimanere fermo nella disciplina attuale, impediente, e chi ipotizza invece, in alternativa ai processi canonici d'annullamento del vincolo matrimoniale, percorsi penitenziali per l'accesso al sacramento sotto la responsabilità del Vescovo diocesano; se si conferma che “non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia”, è pur vero che è cambiato il clima, sono cambiate le parole, è cambiato l'animo, basta fustigazione e minacce punitive, piuttosto attenzione ai cuori, ai cammini di fede individuali, alla ricchezza che ogni essere umano possiede in sé e in forza del battesimo, della sua volontà di rimanere membro attivo e benvoluto della Chiesa. Dall'accusa severa si passa alla cura amorevole. Sugli omosessuali, si è sottolineato l'intento pastorale nei loro confronti sostanziato dall'accoglienza, con “rispetto e delicatezza”, rigettando “ogni marchio di ingiusta discriminazione”. Trapela la consapevolezza che il piano salvifico di Dio si può manifestare in mille modi perchè il suo Spirito soffia come, dove, quando e in chi vuole, e che la Chiesa è strumento di riconciliazione, di grazia e di amore. Vedremo cosa si deciderà tra un anno. Certamente possiamo affermare che stiamo rivivendo, con Papa Francesco, un fecondo momento della vita della Chiesa come ai tempi del Concilio Ecumenico Vaticano II, evento non completamente disvelato e apprezzato nelle sue profetiche intuizioni, da riscoprire e riadattare al presente così denso di contraddizioni, violenze, smarrimenti, desolanti solitudini. Un fecondo momento, per credenti e non credenti, per riscoprire valori eterni, comunque condivisi dagli uomini di buona volontà, per recuperare il significato autentico delle cose e dell'umana esistenza.

Lasciaun commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.
Basic HTML code is allowed.

Elezioni comunali a Palermo. Una sintesi…

E' giusto per chi vuole conoscerla, essendo candidato alle prossime elezioni comunali a Palermo nella lista "Movimento 139, a sostegno di Leoluca Orlando, che io offra una sintesi della mia...

Russo Pippo Be the first to comment! 18 Mar 2017 Hits:578 Blog

Read more

In Sicilia al voto in primavera? Non ci …

Non ci credo alla fine anticipata della legislatura siciliana, seppure voluta e auspicata da Matteo Renzi in persona. Il presidente della Regione Rosario Crocetta è stato ripetutamente sfiduciato, in particolare...

Russo Pippo Be the first to comment! 12 Lug 2015 Hits:4448 Blog

Read more

Governo regionale, per il bene della Sic…

C'è un solo modo per il Pd siciliano, al punto in cui si è giunti, di uscire dalle sabbie mobili nelle quali sta per sprofondare insieme, cosa ben più grave,...

Russo Pippo Be the first to comment! 29 Giu 2015 Hits:4271 Blog

Read more